Company Logo

SBRG logo

SBRG office

Sponsor

Congressi

Avviso ai lettori

Ricerca d'archeoacustica nell'antico castello di Gropparello in Italia

Paolo Debertolis*, Daniele Gullà**, Francesca Piovesana*

 

*Dipartimento di Scienze Mediche - Università degli Studi di Trieste

**SB Research Group, Bologna

 

Riassunto - L’archeoacustica fornisce una metodica per offrire nuove interpretazioni su varie questioni antropologiche relative ad antiche strutture e popolazioni. Abbiamo portato a termine un'analisi archeoacustica su un castello medievale a Gropparello in Italia costruito su un probabile luogo sacro molto antico e riconosciuto sin dal periodo celtico per quell’area. I nostri risultati dimostrano un gran numero di fenomeni fisici che sembrano esistere solo all'interno del perimetro del castello e che non sono rilevabili nelle zone circostanti. In particolare abbiamo rilevato potenti infrasuoni, basse frequenze nel campo dell’udibile e campi magnetici a spiraliformi in grado di influenzare l’andamento dell'attività cerebrale. Possiamo presumere che il mito che racconta di un luogo sacro preesistente nella posizione in cui si trova ora il castello non è decisamente solo un mito, ma vi è qualcosa di reale, in quanto tale sito sembra possedere le stesse caratteristiche fisiche che abbiamo rilevato in altri luoghi sacri in Europa e in Asia.

 

Parole chiave - Archeoacustica, Gropparello, vibrazioni.

 

Atti del Congresso “The 5th Virtual International Conference on Advanced Research in Scientific Areas” (ARSA-2016) Repubblica Slovacca,  9 - 11 novembre, 2016: pp. 98-104.

(http://www.arsa-conf.com).

Publicato da: EDIS - Publishing Institution of the University of Zilina, Univerzitná 1, 01026 Žilina, Slovak Republic.

ISBN: 978-80-554-0958-0, ISSN: 1338-9831

Potete trovare il testo originale dell'articolo in lingua inglese qui.

Potete trovare il testo originale dell'articolo in inglese dalla pagina web del congresso qui.


 


 

 

 

Analisi archeo-astronomica del geoglifo posto a Kanda in Macedonia

**Paolo Debertolis, **Domagoj Nikolić, ***Natalia Tarabella

 

 *Dipartimento di Scienze Mediche, Università di Trieste, SB Research Group, Italia

 **Rochester Institute of Technology, Dubrovnik, Croazia

***SB Research Group, Italia

 

 

Riassunto - Questo articolo scientifico estende la nostra precedente ricerca su un tumulo presente a Kanda nella Repubblica di Macedonia dal punto di vista dell’archeoastronomia. In due articoli precedenti, il gruppo di ricerca Super Brain Research Group (SBRG) ha pubblicato le ricerche svolte sullo stesso geoglifo utilizzando metodiche archeoacustiche e verificando l'esistenza di diverse cavità, probabilmente camere sepolcrali, all'interno del tumulo. Questo tumulo è essenzialmente un terrapieno massiccio sulla cui sommità sono presenti due ovali concentrici ed un grande disegno al centro di essi che rappresenta l'immagine speculare della costellazione di Cassiopea. Attraverso l'analisi del simbolismo presente nella dinastia reale macedone e mediante la datazione ottenuta con la valutazione della precessione degli equinozi, abbiamo stabilito che tale geoglifo sembra essere orientato proprio sulla data di nascita di Alessandro Magno. Il preciso allineamento tra il sole, la costellazione di Cassiopea ed il geoglifo fissato proprio sul giorno della nascita di Alessandro Magno nel 356 a.C. suggerisce che sotto tale geoglifo c’è qualcosa in relazione con lui, forse la sua tomba o la tomba di un parente stretto.

Parole chiave - geoglifo, Alessandro Magno, archeoastronomia, archeoacustica.

 

Questo articolo scientifico sarà pubblicato sul fascicolo di Dicembre 2016 (Volume 4, Numero 2) del Journal of Anthropology and Archaeology (USA), ISSN 2334-2420 (Print Version) 2334-2439 (Online Version): pp. 59-71. 

Potete trovare l'articolo originale in lingua inglese qui.

Potete trovare l'articolo originale in lingua inglese sul sito della rivista scientifica qui.


 

 

 

Analisi Archeoacustica dei Templi di Tarxien a Malta

Paolo Debertolis*, Nina Earl**, Maja Zivić***

 

 * Dipartimento di Scienze Mediche, Corso di Archeologia Odontoiatrica, Progetto SB Research Group, Università di Trieste

** Super Brain Research Group (SBRG), assistente scientifica, Londra, Regno Unito

*** Museo Nazionale di Zaječar, Curatore del palazzo imperiale romano Felix Romuliana, Gamzigrad, Serbia


Riassunto - I Templi di Tarxien a Malta sono stati analizzati dal punto di vista dell’archeoacustica. Poiché non è più presente un tetto, non è stato possibile reperire fenomeni di risonanza nelle varie camere del tempio. Questa indagine ha però rilevato un’interessante vibrazioni a bassa frequenza proveniente dal sottosuolo. La più probabile spiegazione della sua origine è che sia dovuta al movimento delle acque sotterranee attraverso le faglie geologiche locali. Questa vibrazione sembra anche essere trasmessa attraverso i megaliti, alcuni dei quali hanno delle concavità o fori intagliati nel loro contesto. La precedente interpretazione archeologica ha suggerito che questi erano probabilmente stati utilizzati per sostenere i cardini di una sorta di barriera o porta, ma senza alcuna prova a sostegno. Utilizzando la metodologia archeoacustica è possibile ora una nuova interpretazione di queste particolarità architettoniche che sembrano rappresentare quasi una sorta di diffusori acustici di basse frequenze.

Parole chiave - Templi di Tarxien, Malta, cerchio megalitico, risonanza, attività cerebrale, architettura megalitica.

 

Pubblicato sul Journal of Anthropology and Archaeology (USA), ISSN 2334-2420 (Print Version) 2334-2439 (Online Version), vol.4, n.1, pp. 7-27, 2016.

Potete trovare l'articolo originale in lingua inglese qui.

Potete trovare l'articolo pubblicato (E-Publication FirstTM) sull'edizione on-line del Journal of Anthropology and Archaeology qui.

Potete trovare la traduzione dell'articolo in italiano qui.


 

 

L’archeoacustica nelle civiltà antiche

Come avvicinarsi a questa disciplina complementare all’archeologia

 

*Paolo Debertolis, ** Nina Earl

 

 *Dipartimento di Scienze Mediche, Corso di Archeologia Odontoiatrica, Progetto SB Research Group, Università di Trieste

 **Progetto SB Research Group, Londra, Regno Unito

 

Riassunto - L’archeoacustica rappresenta un approccio relativamente nuovo per analizzare i vari siti archeologici che possiedono caratteristiche acustiche interessanti. Può essere utilizzata per analizzare le caratteristiche sonore di una particolare struttura che si ritiene siano state appositamente inserite nel progetto dagli architetti che l’hanno costruita. Un altro capitolo della ricerca in archeoacustica è comprendere quanto tali strutture possano influenzare l'attività cerebrale, in quanto uno stato alterato della coscienza può essere utile per intensificare l'esperienza durante i riti. Anche alcuni fenomeni naturali possono influenzare lo stato psicologico dei celebranti, ad esempio inducendo stati mistici. In articoli scientifici precedenti abbiamo dimostrato che le civiltà antiche avevano una certa dimestichezza con questi fenomeni e attraverso la loro comprensione solo particolari luoghi sono stati scelti in definitiva per le costruzioni dei loro templi. Utilizzando apparecchiature di registrazione digitale è ora possibile registrare bande di frequenza del suono non udibili in precedenza. Queste bande di frequenza sonora hanno un effetto diretto sul corpo umano e la mente senza che una persona possa essere a conoscenza dell’esistenza di queste vibrazioni meccaniche. L'ipotesi del nostro gruppo di ricerca (SBRG) è che in alcuni siti archeologici esista un vibrazione naturale misurabile o dei fenomeni elettromagnetici che ne possano esaltare le proprietà mistiche del luogo. Seguendo questa linea di ricerca sono stati scoperti degli interessanti fenomeni archeoacustici in vari luoghi sacri presenti da Malta alla Turchia, dalla Serbia all’Italia. Utilizzando un approccio neurofisiologico si è dato ulteriore peso a questa ipotesi.

Parole chiave: archeoacustica, ultrasuoni, infrasuoni, basse frequenze sonore.

 

Atti del congresso della conferenza internazionale: “ANCIENT GREECE AND THE MODERN WORLD - The Influence of Greek Thought on Philosophy, Science and Technology“, Conference Centre, International Olympic Academy, Ancient Olympia (sito archeologic), Grecia, 28-31 Agosto 2016.

Potete trovare l'articolo originale in lingua inglese qui.

 


 

Vibrazioni e fenomeni naturali negli antichi siti che modificano l’attività cerebrale

Come studiare la mente nei siti archeologici

 

*Paolo Debertolis, **Daniele Gullà

 

 *Dipartimento di Scienze Mediche, Corso di Archeologia Odontoiatrica, Progetto SB Research Group, Università di Trieste

 **Progetto SB Research Group, Bologna

 

Riassunto - Da una serie di studi del nostro gruppo di ricerca e dalla nostra esperienza si è osservato che alcuni antichi siti "sacri" hanno la capacità durante i riti di modificare l’andamento delle onde cerebrali. Le frequenze di risonanza reperibili in tali siti sono state testate in laboratorio su un gruppo di volontari nella nostra università. Sono stati utilizzati dei test audiometrici presso la Clinica Otorinolaringoiatria e la risposta cerebrale ad essi è stata misurata mediante l’elettroencefalogramma (EEG). Test simili sullo stesso gruppo di volontari sono stati ripetuti in un antico ipogeo in Italia. Abbiamo osservato che vi era una prevalenza di aree frontali (anteriori) o aree occipitali (posteriori) senza predominanza di un emisfero cerebrale su l'altro (sinistro o destro), mentre le frequenze erano emesse. Durante tutto l'esperimento alcune aree del cervello hanno anche dimostrato uno sdoppiamento dei picchi d’onda, ma solo in quei volontari che praticavano regolarmente la meditazione o la preghiera. Ogni volontario aveva una diversa sensibilità ai vari toni senza un tono prevalente in tutti i volontari, ma al tono al quale il volontario era particolarmente sensibile si aveva una forte risposta cerebrale. Nello stesso ipogeo abbiamo inoltre applicato alcuni metodi innovativi di ricerca per capire meglio lo stato alterato di coscienza indotto dalle vibrazioni presenti in tale sito archeologico con risultati molto interessanti.

Parole chiave: archeoacustica, ultrasuoni, infrasuoni, suoni a bassa frequenza.

 

Atti del congresso della conferenza internazionale: “ANCIENT GREECE AND THE MODERN WORLD - The Influence of Greek Thought on Philosophy, Science and Technology“, Conference Centre, International Olympic Academy, Antica Olympia (sito archeologico), Grecia, 28-31 Agosto 2016.

 Potete trovare l'articolo originale in lingua inglese qui.


 


 

Login Form

Partners




Powered by Joomla!®. Designed by: joomla 1.7 templates hosting Valid XHTML and CSS.

Copyright © 2017 SB Research Group. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.