Company Logo

SBRG logo

5 x mille

SBRG office

Sponsor

Congressi

Avviso ai lettori

Prosegue senza sosta la ricerca mediante EEG dell’effetto del fenomeno di risonanza presente negli antichi siti sull’attività cerebrale

 

TAG: archeo-acustica, archeoacustica, ipogeo, Cividale del Friuli, risonanza, infrasuoni, basse frequenze audio, tamburo sciamanico, attività cerebrale, EEG, SBRG, SB Research Group

Conclusa la fase di laboratorio, l’intero team e i volontari che partecipano alla ricerca si sono trasferiti nell’Ipogeo di Cividale del Friuli per saggiare direttamente sul posto l’effetto d’ambiente di questo antico sito archeologico.

Contrariamente a quanto prospettato sin dall’inizio della ricerca, questa fase è apparsa tutt’altro di facile esecuzione. Le recenti piogge verificatesi in questa estate più somigliante ad un avanzato novembre hanno infiltrato l’antico tempio con una quantità smodata d’acqua rendendo arduo rimanere in un campo asciutto, necessario per il perfetto funzionamento degli strumenti.

In particolare la camera del livello inferiore (la camera D della mappa) è risultata invasa dall'acqua che ha creato sul pavimento un livello di alcuni centimetri di liquido incompatibile con il funzionamento degli strumenti.

 

Fig 1 - L'ingresso alla camera del livello inferiore presentava sul fondo uno strato d'acqua di alcuni centimetri mai visto in precedenza

 

Fig. 2 - La mappa dell'ipogeo di Cividale del Friuli. E' stato possibile eseguire l'esperimento solo nella camera C che è apparsa la meno invasa dall'acqua

 

Si è dovuto pertanto limitare al minimo il numero di attrezzature elettroniche funzionanti per non creare dei cortocircuiti fatali per le attrezzature stesse.

In particolare si è usato un elettroencefalografo portatile connesso ad un computer, sul quale è stata eseguita la registrazione dei tracciati EEG.

 

 Fig. 3 - Il computer sul quale è stata effettuata la registrazione dei tracciati EEG

 

La risonanza della stanza è stata sollecitata mediante un tamburo sciamanico. Ma è stato possibile sviluppare questo processo solo nella camera superiore, delle due dove è presente l’effetto di risonanza (stanza C della mappa).

 


 Fig. 4 - Sono stati usati due diversi operatori per suonare il tamburo sciamanico durante l'esperimento. Nell'immagine in alto è visibile l'esatta collocazione dello strumento nel nodo di risonanza

 

In pratica veniva suonato il tamburo sciamanico (o irlandese) da una persona che faceva le veci della sacerdotessa di Madre Terra in una delle due camere di risonanza mentre il soggetto volontario era collocato nei posti a sedere posti alla sua entrata. Esattamente nei punti dove doveva collocarsi presumibilmente il pubblico che presenziava al rito nei tempi passati. Ovviamente il volontario era seduto e ben fermo per non influenzare con i movimenti i risultati ottenuti con l’EEG.

 

 

Fig. 5 – Il volontario è stato collocato sugli appositi sedili posizionati all’ingresso della stanza mentre l’officiante suonava il tamburo nel nodo acustico correttamente reperito nelle missioni precedenti

 

Tale metodica è apparsa veramente suggestiva in quanto chi suonava il tamburo nella camera faceva entrare in risonanza tutto l’ipogeo e non solo la stanza sollecitata e anche chi si trovava fuori portata sentiva battere sul petto il ritmo del tamburo in maniera molto efficace. Ed anche quando la quantità d'acqua che filtrava dalle pareti e diventata eccessiva bagnando lo strumento e facendo arretrare l'operatore con il tamburo dal nodo di risonanza l'effetto sugli astanti è rimasto ugualmente molto potente.

 

 

Fig. 6 – Il posizionamento dei sensori sul cranio dei soggetti in esame è stato tutt’altro che semplice in questo ambiente ristretto e difficile



È stata veramente dura perché lavorare all’interno di un ospedale nella camera fonoassorbente con tutte le attrezzature a disposizione e in un antico ambiente come questo è totalmente diverso. L’umidità era del 100% e le recenti piogge hanno fatto sì che l’acqua che filtrava dalle pareti, cadendo in gocce sul pavimento, ha creato un ambiente decisamente difficile. Ma siamo riusciti lo stesso a raggiungere i nostri obiettivi, mantenendo ugualmente alto lo standard delle nostre misurazioni.

 


Fig. 7 - L'ambiente angusto e buio ha reso difficile l'esecuzione di qualsiasi procedura, ma il team di questa ricerca riuscito comunque ad ottenere delle misurazioni corrette

 

 

 

Fig. 8 – La lettura e la registrazione dei tracciati EEG è stata eseguita con accuratezza su un computer portatile dedicato



In questa occasione abbiamo per ora saggiato solo quattro dei dieci volontari già esaminati in precedenza in laboratorio, due maschi e due femmine, di cui due di questi esperti in meditazione trascendentale, per mettere a punto un protocollo efficace da ripetere su tutti gli altri soggetti.
Come immaginavamo, da quanto abbiamo visto dai primi tracciati, questi templi non erano per tutti, ma solo per gli iniziati (o comunque quelli allenati alla meditazione ed alla preghiera). Infatti sembrerebbe che i soggetti sensitivi hanno risposto all'effetto di risonanza dell'ipogeo con dei dei potenziali elettrici cerebrali molto più elevati, segno che su di loro l’effetto del suono era maggiore rendendo più facile la meditazione profonda in breve tempo.

 


 

Fig. 9 - L'inquietante aspetto delle cosiddette “têtes coupées” di origine celtica dei guardiani dell'ipogeo hanno accompagnato in silenzio le nostre misurazioni

 

Nel periodo di settembre-ottobre di questo stesso anno si proseguirà la ricerca fino alla totale conclusione della stessa.

Paolo Debertolis – 8 agosto 2014

 

Un sincero ringraziamento da parte di tutto il gruppo di ricerca SBRG al proprietario dell'ipogeo, sig. Gaetano Bront, per la sua disponibilità e gentilezza nel cedere i suoi antichi locali per le nostre sperimentazioni. Un grazie di cuore anche al sig. Federico Morandini che con pazienza ci concede le chiavi dell'ipogeo per le nostre ricerche. Un ringraziamento anche ad Elisabeth e Mauro, tecnici di neuro-fisiopatologia, per il loro coraggio e professionalità nell’affrontare con serenità tutte le contrarietà di questa ultima missione nell’ipogeo.

 

 


 

Login Form

Partners




Powered by Joomla!®. Designed by: joomla 1.7 templates hosting Valid XHTML and CSS.

Copyright © 2018 SB Research Group. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.